Ep. 01

La politica di coesione europea

Che cos’è, a cosa serve e come funziona la Politica di coesione dell’Unione Europea?

Slow News. Il primo progetto italiano di slow journalism.
Dalle nostre serie Serie Giornalistiche
Le basi della coesione

Capire la Politica di Coesione, e i suoi effetti sulle nostre vite di cittadine e cittadini, è cruciale ma non sempre facile.
Qui è dove sciogliamo un po’ di nodi.

Slow News. Il primo progetto italiano di slow journalism.

Politica di coesione dell’Unione Europea: cos’è e a cosa serve? Come funziona e come si rapporta con altri progetti come, ad esempio, Next Generation EU o il PNRR? Qui trovi il glossario con le risposte a tutte le tue domande.

Come si può definire, in maniera semplice, la politica di coesione europea?

La politica di coesione europea è una politica pubblica europea. Ha l’obiettivo di ridurre le differenze fra i territori e di garantire il fatto che i cittadini e le cittadine, ovunque siano nati, vivano, risiedano e lavorino, abbiano le stesse opportunità. È un obiettivo ambizioso, ancora lontano dall’essere raggiunto.

Il documentario sulla politica di coesione europea di Slow News

Perché si interviene con risorse pubbliche?

Per ridurre le disparità fra territori, che esistono per vari motivi (economici, politici, situazioni temporanee o che durano nel tempo). Le differenze ci sono sia fra i vari stati dell’Unione Europea sia fra diversi territori dell’Unione.

Il fondamento di questa politica lo troviamo anche:

– nella Costituzione italiana
– nel Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea

Come posso rendermi conto di quanto è importante la politica di coesione europea per me? Dove vedo i risultati pratici? Come li tocco con mano?

Partiamo dai numeri. Circa un terzo del bilancio europeo è destinato a questo tipo di politiche.

Poi c’è la comunicazione (anche sul territorio). Tutte le volte che si vede una bandierina dell’Unione Europea su un cartello, per esempio, vuol dire che quell’intervento è stato finanziato da un programma che dev’essere specificato, non solo a lavori in corso ma anche quando il progetto è finito. Leggere i cartelli ci serve per capire dove e come è intervenuta la politica di coesione.

E poi c’è il web. Sul sito di Open Coesione, per esempio, c’è la mappa con tutti i progetti finanziati.

Come posso attivarmi come cittadina/o per fare qualcosa in prima persona avvicinandomi alla politica di coesione europea?

Ogni persona può fare la sua parte. Non c’è una ricetta unica. Bisogna avvicinarsi alle istituzioni. Bisogna parlare con le rappresentanze del mondo economico sociale (per esempio: organizzazioni del terzo settore, sindacati, associazioni di settore…) e con le istituzioni locali. Frequentare la vita politica della propria comunità, del proprio territorio. Interessarsi. Monitorare i siti delle istituzioni locali. Portare all’attenzione delle istituzioni i bisogni della cittadinanza.

Non è facile, ma la partecipazione attiva è una possibilità concreta. Bisogna far circolare le idee. Avvicinarsi a chi poi può partecipare ai bandi per attuarle.

Il giornalismo può aiutare la politica di coesione europea?

Visto che la Politica di coesione dell’Unione Europea vuole ridurre le differenze, il giornalismo – che dovrebbe essere dalla parte di chi ha meno – può dare una mano in molti modi:

– evidenziando le criticità, che è quello che dovrebbe fare sempre
– proponendo le soluzioni mostrando quel che funziona, che è quello che fa poco
– raccontando la complessità
– evidenziando le opportunità

Che cos’è la politica di coesione europea?

La Politica di coesione è un insieme di diversi fondi e strumenti, che hanno l’obiettivo di rendere sempre più eguali le opportunità socio-economiche delle cittadine e dei cittadini europei.

All’interno dell’Unione Europea, infatti, vi sono grandi differenze tra Stati e tra regioni. Una parte consistente del bilancio UE è destinata a ridurle. È la Politica di coesione che mira, appunto, a migliorare la coesione economica, sociale e territoriale dell’Unione Europea riducendo il divario fra le diverse regioni affrontando il ritardo di quelle meno sviluppate.

Per l’Italia, i due principali fondi sono stati e continuano a essere il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – FESR e il Fondo Sociale Europeo – FSE (oggi FSE+).

Il Bilancio a lungo termine dell’UE 2021-2027 stanzia per la Politica di coesione complessivamente 330 miliardi di euro (a prezzi 2018), su un totale di circa 1.211. Questi fondi sono stati ulteriormente integrati dal piano per la ripresa post pandemia Next Generation EU.

Fonti per approfondire

Domande e risposte sul sito della Commissione Europea
Il budget a lungo termine 2021-2027, per scoprire quanti soldi vengono investiti e per fare cosa
Scarica il report sul budget a lungo termine e il suo rapporto con Next Generation EU
Domande e risposte sul sito italiano Open Coesione

Che cos’è il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – FESR?

Il Fondo europeo di sviluppo regionale – FESR (European Regional Development Fund – ERDF, in inglese) sostiene progetti nell’innovazione e nella ricerca, nella transizione digitale, nelle piccole e medie imprese, nell’ambiente, nell’economia a zero emissioni di carbonio e nello sviluppo urbano sostenibile.

Vi possono accedere enti pubblici e privati, con particolare attenzione alle regioni più svantaggiate. Il Bilancio a lungo termine dell’UE 2021-2027 stanzia per il FESR 192,41 miliardi di euro (a prezzi 2018). All’Italia, ne spettano 23,615 miliardi di euro (a prezzi 2018).

Fonti per approfondire

Scarica il report sul budget a lungo termine e il suo rapporto con Next Generation EU.

Leggi notizia sui fondi 2021-2027 sul sito dell’Agenzia per la coesione territoriale

La mappa delle storie della politica di coesione europea di Slow News

Che cos’è il Fondo Sociale Europeo – FSE?

Il Fondo sociale europeo (FSE) è stato per anni il principale strumento utilizzato dall’Unione Europea per sostenere l’occupazione, aiutare i cittadini a trovare posti di lavoro migliori e assicurare opportunità lavorative più eque per tutti. A partire dal 2021, il Fondo Sociale Europeo – FSE si chiama Fondo Sociale Europeo Plus – FSE+ (European Social Fund Plus – ESF+, in inglese).

Il FSE+ sostiene progetti a sostegno della creazione di posti di lavoro, dell’istruzione, della formazione e dell’inclusione sociale.​ Una particolare attenzione viene riservata ai minori, ai giovani e alla persone povere e più vulnerabili. Vi possono accedere enti pubblici, enti privati ed enti del Terzo Settore a prescindere dalla regione nella quale si trovano.

Il Bilancio a lungo termine dell’UE 2021-2027 stanzia per il FSE+ 87,319 miliardi di euro (a prezzi 2018). All’Italia, ne spettano 12,897 (a prezzi 2018).

Fonti per approfondire

Scarica il report sul budget a lungo termine e il suo rapporto con Next Generation EU

Leggi notizia sui fondi 2021-2027 sul sito dell’Agenzia per la coesione territoriale

Che cos'è il Just Transition Fund e cosa c'entra con la politica di coesione europea?

Il Fondo per la Transizione Giusta (Just Transition Fund) fa parte della politica di coesione. Il suo obiettivo è quello di fornire sostegno ai territori che devono far fronte a gravi sfide socio-economiche derivanti dalla transizione verso la neutralità climatica. In Italia ci sono due aree coinvolte negli investimenti del Just Transition Fund: la provincia del Sulcis Inglesiente e la Provincia di Taranto.

Che cos’è Next Generation EU?

NextGenerationEU è uno strumento temporaneo messo in campo dall’Unione Europea per affrontare i danni economici e sociali causati dalla pandemia di Covid-19. Il suo obiettivo è rilanciare l’economia attraverso investimenti, soprattutto verdi e digitali. Complessivamente si tratta di 807 miliardi di euro che saranno erogati nel periodo 2021-2027 e che integreranno il Bilancio a lungo termine dell’UE (1.221 miliardi).

NextGenerationEU si compone di diverse voci. La più importante è rappresentata dal Dispositivo per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility), che metterà a disposizione 723,8 miliardi di euro di prestiti (385,8 miliardi) e sovvenzioni (338 miliardi) per sostenere riforme e investimenti degli Stati membri. L’obiettivo è attenuare l’impatto economico e sociale della pandemia e rendere le economie e le società dei paesi europei più sostenibili, resilienti e preparate alle sfide e alle opportunità della transizione ecologica e di quella digitale. Ogni Stato membro ha redatto il proprio Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per spiegare nel dettaglio come saranno utilizzate queste risorse.

Parte di NextGenerationEU è REACT-EU, iniziativa da 50,6 miliardi di euro dedicata alle misure più urgenti di risposta alla crisi per superara gli effetti più immediati del Covid nel biennio 2021-2022. I fondi di NextGenerationEU andranno anche a integrare programmi e fondi già esistenti, tra cui il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e il Fondo sociale europeo (FSE)

Fonti per approfondire

Visita la pagina della Commissione Ue dedicata a Next Generation EU

Consulta la scheda con tutti i dettagli del Dispositivo per la ripresa e la resilienza, sempre sul sito della Commissione Ue

Che cos’è il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR?

L’acronimo PNRR sta a indicare il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza adottato dallo Stato Italiano per ricevere la propria quota delle risorse stanziate dall’Unione Europea attraverso il programma NextGenerationEU (811 miliardi di euro).

Il PNRR descrive le riforme e le iniziative che, tra il 2021 e il 2027, permetteranno di spendere i 191,5 miliardi di euro che spettano all’Italia in sei ambiti di intervento: Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura (40,32 miliardi); Rivoluzione verde e transizione ecologica (59,47 miliardi); Infrastrutture per una mobilità sostenibile (25,40 miliardi); Istruzione e ricerca (30,88 miliardi); Inclusione e coesione (19,81 miliardi); Salute (15,63 miliardi).

Il Governo italiano ha previsto la costituzione di un Fondo complementare da 30,6 miliardi di euro per finanziare ulteriori interventi in questi ambiti, che portano il valore complessivo del PNRR a 222,1 miliardi di euro.

Fonti per approfondire

Se vuoi scoprire di più sul PNRR, scopri lo speciale di Slow News: PNRR, l’Italia dei prossimi 20 anni

Consulta il sito del Governo dedicato al PNRR “Italia Domani”.
Approfondisci le missioni del PNRR sul sito del Ministero dell’economia e delle finanze.

Che cosa sono i Programmi Operativi Nazionali – PON?

Attraverso i Programmi operativi, gli stati europei decidono, in accordo con le istituzioni Ue, come spendere i fonti europei che spettano loro. Questi programmi operativi sono documenti che declinano, per settori e territori, le priorità strategiche, definendo obiettivi pluriennali. Usufruiscono delle risorse di uno o più fondi europei e possono essere nazionali o regionali.

I Programmi operativi nazionali sono gestiti a livello nazionale e riguardano l’intero territorio. Ciascuno riguarda un tema specifico, in linea con gli obiettivi Ue. Nel periodo 2014-2020, l’Italia ha avuto Pon dedicati a infrastrutture, cultura, legalità, imprese, ricerca, politiche urbane, governance, inclusione sociale, giovani, occupazione, scuola, sviluppo rurale e pesca.

La maggior parte dei Programmi operativi nazionali, nel periodo 2014-2020, sono stati finanziati con le risorse del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – FESR e del  Fondo Sociale Europeo – FSE. I Pon riguardanti il periodo 2021-2027 sono ancora in fase di definizione.

Fonti per approfondire

Scopri la pagina dedicata ai Pon sul sito dell’Agenzia per la coesione territoriale.

Consulta l’elenco con tutti i programmi operativi regionali e nazionali 2014-2020.

Che cosa sono i Programmi Operativi Regionali – POR?

Attraverso i Programmi operativi, gli stati europei decidono, in accordo con le istituzioni Ue, come spendere i fonti europei che spettano loro. Questi programmi operativi sono documenti che declinano, per settori e territori, le priorità strategiche, definendo obiettivi pluriennali. Usufruiscono delle risorse di uno o più fondi europei e possono essere nazionali o regionali.

I Programmi operativi regionali sono gestiti dalle regioni o dalle province autonome e riguardano il Fondo Europeo Sviluppo Regionale (FESR), il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (PSR FEASR), a seconda delle tipologie di fondi messi a disposizione delle Regioni.

In alcuni casi, le regioni possono scegliere di unire più tipi di fondi Ue in un solo Programma operativo regionale multifondo. La maggior parte dei Programmi operativi regionali, nel periodo 2014-2020, sono stati finanziati con le risorse del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – FESR e del  Fondo Sociale Europeo – FSE. I Por riguardanti il periodo 2021-2027 sono ancora in fase di definizione.

 

Fonti per approfondire 

Scopri la pagina dedicata ai Pon sul sito dell’Agenzia per la coesione territoriale.

Consulta l’elenco con tutti i programmi operativi regionali e nazionali 2014-2020.

🇪🇺 A Brave New Europe – Voyager è un progetto di Slow NewsPercorsi di Secondo WelfareInternazionaleZai.netLa Revue Dessinée Italia e Radio Popolare, co-finanziato dall’Unione Europea. Le redazioni e le pubblicazioni, le autrici e gli autori lavorano in maniera indipendente dalle istituzioni europee e sono i soli responsabili dei contenuti di questo progetto, che riflettono i nostri punti di vista. La Commissione Europea non è in alcun modo responsabile di come verranno utilizzate le informazioni contenute in questo progetto.

Continua a seguirci
Slow News ti arriva anche via email, da leggere quando e come vuoi...
Iscriviti gratis e scegli quali newsletter vuoi ricevere!
Stai leggendo
Le basi della coesione

Capire la Politica di Coesione, e i suoi effetti sulle nostre vite di cittadine e cittadini, è cruciale ma non sempre facile.
Qui è dove sciogliamo un po’ di nodi.

Slow News. Il primo progetto italiano di slow journalism.

Prossimo episodio

Tutti gli episodi

01
02
03
04
05
06
07
08
Altri articoli Politica