La settimana lunga di OpenAI

Cos’è successo nell’azienda che ha sviluppato ChatGPT e perché è importante?

Slow News. Il primo progetto italiano di slow journalism.

Dal 17 al 22 novembre 2023 la Silicon Valley è stata attraversata in lungo e in largo da un evento che ha sollevato parecchia curiosità e fatto molto rumore. Per nulla. Il 17 novembre 2023, infatti, per motivi ancora da chiarire, Sam Altman è stato rimosso dal suo incarico di amministratore delegato. Secondo quanto affermato in alcune comunicazioni dal consiglio di OpenAI, la decisione sarebbe stata presa per non meglio precisate mancanze di chiarezza e comunicazione da parte di Altman nei confronti del consiglio stesso. Cinque giorni dopo, però, Altman è tornato al suo posto. Nella timeline che segue, una ricostruzione degli eventi principali dà l’idea di quel che è successo.

Perché è successo?

Difficile rispondere a questa domanda. Secondo alcune ricostruzioni ci sarebbero di mezzo le solite questioni che ormai avvelenano ogni conversazione sulle intelligenze artificiali: i rischi esistenziali, la paura che l’intelligenza artificiale generale (AGI) ci sostituirà, la paura che le macchine prendano il controllo. Ma per avere davvero il polso di quel che è successo bisognerebbe avere confidenze che, probabilmente, non arriveranno mai. Più facile dire come mai è stato possibile: dipende tutto dalla strana struttura di governance, cioè, di gestione, dell’azienda. Il consiglio ha obiettivi generali, non-profit, e non è legato alla necessità di far denaro. Ha dunque facoltà di prendere decisioni anche in netto contrasto con l’obiettivo di un’azienda “normale”, che vuole fare profitto.

Slow News, via email
Lasciaci il tuo indirizzo e ricevi gratuitamente solo le parti di Slow News che ti interessano:
Slow News. Il primo progetto italiano di slow journalism.
La governance di OpenAI

L'AGI

L’intelligenza artificiale generale, cioè una macchina capace di simulare tutte le capacità cognitive e intellettive delle persone, al momento non esiste. La missione dichiarata di OpenAI, tutavia, è proprio lo sviluppo di un’AGI di cui possa beneficiare tutta l’umanità.
C’è un’avvertenza in merito, proprio nella pagina della governance di OpenAI.

Investire in OpenAI Global, LLC è un investimento ad alto rischio
Gli investitori possono perdere il loro capitale e non ottenere alcun ritorno dal loro investimento.
Slow News. Il primo progetto italiano di slow journalism.
Nessun obbligo di profitto: così auto-dichiara agli investitori Open M. GLobal LLC ricordando che la propria missione è prima di tutto creare un'AGI di cui possa beneficiare tutta l'umanità, e che in un mondo dopo l'AGI il denaro potrebbe non servire a molto

Perché è importante?

Al di là della questione dell’AGI, quel che è successo in OpenAI è importante per molti motivi.
Intanto, dimostra ancora una volta quanto sia alta l’attenzione per queste tecnologie: di solito queste vicende rimangono confinate nella “bolla” degli appassionati di vicende legate al mondo tech. Questa volta, invece, la notizia è percolata rapidamente nel mainstream.
In secondo luogo, ci pone di fronte al problema principale legato alle intelligenze artificiali: di chi sono? Chi ne beneficerà davvero nel breve, medio e lungo periodo? Sono delle tecnologie che possiamo permetterci di affidare agli interessi di poche aziende private che vogliono esclusivamente massimizzare il profitto?
Se il consiglio di OpenAI ha agito in maniera a dir poco sconsiderata (mettiamo che avessero le loro buone ragioni per eliminare dall’azienda Altman: il modo in cui l’hanno fatto è, ad essere generosi, dilettantesco), rimane il fatto che la sua missione è chiaramente espressa nelle righe che abbiamo visto e viene prima del profitto.

Continua a seguirci
Slow News ti arriva anche via email, da leggere quando e come vuoi...
Iscriviti gratis e scegli quali newsletter vuoi ricevere!
Altri articoli Tecnologia
Un'llustrazione dal libro Sunyata, generata da Francesco D'Isa con un'intelligenza artificiale Text To Image. L'immagine la sagoma di una ragazza all'interno di una chiesa allagata e penetrata da una luce rossa.

Sunyata

Il filosofo e artista digitale Francesco D’Isa presenta la graphic novel Sunyata, un viaggio onirico alla ricerca di sé illustrato con le intelligenze artificiali.